Canal Vena

Visitare Chioggia in camper in una giornata

Durante le nostre escursioni per il weekend, diverse volte ci è capitato di visitare Chioggia in camper in una giornata. Questa città spesso considerata minore rispetto alla Serenissima, da cui dista appena 50 chilometri, per molti risulta essere fra i più bei centri storici del Veneto. Noi ce ne siamo da subito innamorati,  ci ha sempre affascinato e quando possibile vi torniamo molto volentieri.

Se anche tu ami visitare le città forse potrebbe interessarti anche

Lucca in camper: cosa vedere in un giorno

Ma cosa visitare a Chioggia in una giornata?

Iniziamo con il dirti che Chioggia è suddivisa in piccole isole collegate da ponti e attraversata da calli che le donano una conformazione urbanistica particolare. Palazzi eleganti  si affacciano sui canali, così come le case dalle tonalità pastello, o barchette colorate ormeggiate nei canali. Un panorama che a noi regala da sempre atmosfere suggestive.

Detto ciò iniziamo, in tua compagnia, a visitare Chioggia in camper in una giornata.

Il Mercato del pesce

Visitare Chioggia in camper: la flotta dei pescherecci
Pescherecci di Chioggia

 

La vita della città è tutta concentrata tra due canali dove sono ormeggiate centinaia di barche da pesca.

Ovvio quindi che visitare Chioggia in camper in una giornata e passeggiare per la città equivale anche a visitare il suo mercato del pesce, sia quello all’ingrosso che quello della piazza. In questo modo, si riesce ad  immaginare quello che fu un tempo tutta la Laguna, prima del turismo.

Il mercato del pesce al minuto è qui un’istituzione antica poiché è sempre stata fra le attività principali della città. Dal mercato all’ingrosso ogni mattina vengono scaricati i pescherecci,  il pesce viene contrattato e poi distribuito oltre che in giro per l’Italia, anche nelle 30 bancarelle del mercato cittadino ubicato fra Palazzo del Granaio e Canal Vena.

L’ingresso al mercato del pesce è caratterizzato dalla porta “Portale a Prisca”,  scolpita dal padovano Amleto Sartori.

Il mercato è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 8:00 alle 13:00 ad esclusione del lunedì.

Duomo

Entriamo da Porta Garibaldi, edificata nel 1530, a quel tempo unico ingresso della città ed ora in ristrutturazione. Sulla sinistra trovi il complesso della Cattedrale di Santa Maria Assunta. Originariamente costruita attorno all’anno mille venne distrutta da un incendio nel 1623 e ricostruita a partire dall’anno successivo.

Al suo interno si trova la cappella dedicata a San Felice e San Fortunato i patroni di Chioggia.
Accanto al Duomo si trovano:

Visitare Chioggia in Camper Madonna con il Bambino
Rifugium Peccatorum Madonna con il Bambino
  • Rifugio Peccatorum chiamato dai cittadini “Sagraeto”, (piccolo sagrato) un percorso su Canal Perottolo fatto di statue fra cui una Madonna con Bambino, sormontata da una cupola dorata. Qui venivano portati i condannati a morte per fare l’ultima preghiera davanti alla statua.
  • Il Campanile del Duomo alto 64 mt dalla cui sommità si gode il panorama su tutta la città.
  • La chiesa dei Santi Pietro e Paolo e la piccola chiesa di San Martino fatta erigere dai fedeli di Sottomarina.

Torre dell’orologio

Quasi al termine del Corso troviamo Il Campanile della Chiesa di Sant’Andrea  che custodisce un orologio preziosissimo. Datato 1386 è il secondo orologio più antico del mondo. Il primato spetta all’orologio Bretone della Cattedrale di Salisbury in Gran Bretagna che lo precede di alcuni mesi.

La torre è un museo verticale di 7 piani e il quinto è dedicato a questo orologio e ai suoi ingranaggi. L’ultimo piano invece è una terrazza panoramica sulla città e sulla Laguna di Venezia.

Visitare Chioggia in camper: Corso del Popolo

Siamo nel corso principale di tutta la città; è lungo 830 metri e per metà pedonale dopo le 10:00. Qui si affacciano tutti i principali palazzi: il Palazzo Comunale, il Palazzo del Granaio del 1300,  dietro al quale si trova il mercato del pesce, la Chiesa di San Giacomo, davanti alla quale si trova “L’angelo salvatore”, maestoso monumento ai Caduti chioggiotti della Prima Guerra Mondiale e la Torre di Sant’Andrea.

Ma quando si avvicina l’ora dell’aperitivo  Chioggia si anima. La strada e i portici che caratterizzano tutto un lato di Corso del Popolo diventano il centro del passeggio cittadino e i numerosi locali si riempiono di chioggiotti e turisti per il tipico cicchetto: un assaggio della cucina lagunare prima di pranzo o cena. Si tratta di stuzzichini  per tutti i gusti; se ne trovano a base di pesce, come il baccalà mantecato, ma anche con verdure o carne, fritti o su una fettina di pane. Ovviamente da abbinare a calici di vino o al classico Spritz.

Piazza Vigo e Ponte Vigo

Piazza Vigo si apre alla fine di Corso del Popolo, sulla laguna di Venezia e sui traghetti che partono per la città e per le varie escursioni turistiche che offrono una visione di Chioggia e della laguna davvero particolari. Chioggia infatti si trova all’estrema punta sud della Laguna. Il panorama da qui è splendido, spazia sull’intera Laguna e ci regala un senso di tranquillità, quasi non avessimo alle spalle il Corso con il suo chiacchiericcio e la città.

La foto è di rito sia dalla piazza che dall’attiguo ponte il Ponte Vigo originariamente in legno ma ricostruito alla fine del 1600. Il ponte il più famoso di Chioggia, sormonta il Canal Vena, uno dei principali della città.

Sulla piazza si trova anche la Colonna di Vigo con il leone marciano alla sua sommità che viene chiamato “El gato de Ciosa” Il gatto di Chioggia, per le ridotte dimensioni.

 

San Domenico

Superato il Ponte Vigo si procede fino all’Isola di San Domenico dove non si può non rimanere affascinati dalla bellezza di questa isolotto. Nella Chiesa è posto un crocifisso alto 5 metri molto caro alla città. Diverse storie sono legate a questo manufatto tra cui quella che pare sia  stato ritrovato da pescatori e qui posto come una reliquia importantissima. In esso vedono un emblema, un porto, una salvezza. I numerosi ex voto che si conservano all’interno della chiesa ne sono una testimonianza.

Canal Vena e Palazzo Grassi

Su Canal Vena si affacciano casette colorate e antichi palazzi dai colonnati che ospitano negozietti di alimentari e bar.  Arriviamo a Palazzo Grassi e al Museo della Zoologia Adriatica Giuseppe Olivi. Nei due piani del museo, fra i preziosissimi reperti è esposta la più grande collezione di animali marini, fra cui uno squalo di 8 metri.

Il palazzo del settecento ha avuto diverse vicissitudini, così come la collezione che in esso è esposta iniziata nel 1800 e che si è cercato di preservare fino ad oggi.

Il museo è aperto tutti i giorni tranne il lunedì e attualmente si può visitare solo con visita guidata. per ogni info ti rimandiamo al sito con orari.

Tutto questo passeggiare nelle calle fra gastronomie, panetterie, bar, trattorie e ristoranti ci ha fatto venire voglia di assaggiare qualche piatto tipico della cucina.

Visitare Chioggia in camper continua in  cucina

Visitare Chioggia in camper Sarde in Saor
Le Sarde in Saor

Ma quali sono i piatti tipici della cucina di Chioggia?

Ci troviamo in un territorio ricco di pesce azzurro e ottimi ortaggi che si sposano creando una tradizione culinaria basata su cibi nati poveri e cadenzati dai i ritmi delle stagioni.

  • Sarde in Saor forse il piatto più famoso della Laguna: sardine fritte conservate con cipolle bianche cotte in aceto e in alcuni casi con aggiunta di uvetta.
  • Bibarasse in Cassopipa una padellata di vongole cotte in un soffritto di cipolla.
  • Bisato in tecia l’anguilla in umido con salsa di pomodoro e sfumata con vino bianco
  • Bigoli in salsa un tipica pasta veneta con una salsa di aglio, olio, cipolla, prezzemolo e filetti di acciughe
  • Seppie in nero, tipico piatto della cucina veneziana. Gustose e saporite, le seppie sono un piatto originale e prelibato per il quale si usa ovviamente il nero di seppia. Ottimo abbinato alla polenta abbrustolita.
  • I fritti di pesce: si spazia dalle Moeche fritte, alle Aguglie, al pesce azzurro sempre disponibile.

Nelle varie volte in cui Angela è andata a visitare Chioggia, ha potuto degustare diversi piatti in giro per il centro storico. Chiaramente alcuni locali sono più turistici di altri, d’altronde ci troviamo in una città della Laguna di Venezia, ma si può provare la cucina anche solo per l’aperitivo con i classici cicchetti.

Conclusioni

A nostro avviso, visitare Chioggia  passeggiando per le sue calli in giornata è molto più rilassante, e meno caotica di Venezia. Secondo noi ciò permette di respirare l’autentica cultura locale e lo spirito dei sui cittadini.

Infatti a Chioggia ha vissuto per qualche anno Carlo Goldoni e qui ambientò la commedia: “Le Baruffe Chiozzotte”. La commedia racconta di un battibecco fra innamorati (una baruffa) che porta scompiglio nel quartiere fatto di pescatori e gente verace. La baruffa termina con una grande festa che coinvolge tutte e preanunacia la celebrazione delle nozze degli innamorati.

Questo per dire quale sia lo spirito dei Chioggiotti.

Dove Sostare in camper

La sosta nel Comune di Chioggia è permessa solo durante il giorno nei parcheggi a righe blu, e Angela in inverno ha utilizzato per la visita giornaliera, i parcheggi del Viale Isola dell’Unione che collega Sottomarina a Chioggia. Giusto per poche ore.

Diversamente a Chioggia è stata aperta a fine 2019 nel parcheggio dei pulmann di Lusenzo una zona adibita a camper, già presistente, a cui hanno aggiunto colonnine della luce e pozzetto di carico/scarico a pagamento. Da qui si arriva al centro in un paio di chilometri di passeggiata.

Tariffe: tariffa oraria 0,75 €/h con giornaliero 6,00 € (24 ore con pernottamento). Tariffa solo scarico reflui 5 € (con sosta max 1 ora), tariffa acqua e corrente (in base ai consumi: acqua 3€/mc, corrente 0,60 €/kwh).

A Sottomarina invece si trovano due aree di sosta e diversi campeggi ma questi ultimi sono aperti solo durante la stagione turistica. Da Sottomarina a Chioggia la distanza da percorrere a piedi o in bicicletta è di circa 2 chilometri.

  • Area Sosta 2 Palme
  • Area sosta Ai Padovan

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
4 camping e 3 itinerari

Scarica la nostra nuovissima guida!

Ti portiamo alla scoperta di 3 fantastici itinerari tutti da vivere!
Abbiamo anche selezionato 4 Camping che renderanno la tua esperienza ancora più memorabile!