risaie vercellese
Author picture

Un weekend nei paesaggi della provincia di Vercelli in camper

I piccolo borghi e i paesaggi agricoli possono essere un’idea per trascorrere un fine settimana fuori stagione, e perciò ci è venuta l’idea di suggerirti un weekend attraversando i paesaggi di campagna della provincia di Vercelli in camper.

Ti  proponiamo un percorso lungo la Strada del Riso Vercellese di Qualità compreso fra il Po, il fiume Sesia e la Dora Baltea, il Naviglio di Ivrea che scorre non lontano dal Lago di Viverone. Un’ottima opportunità per scoprire il mondo del riso: un mare di quadretti, costellato da canali, spesso storici, come il Canale Cavour e il Naviglio di Ivrea, costruiti a supporto di un’agricoltura che qui, in provincia di Vercelli si è specializzata nella coltivazione del riso.

Il paesaggio della provincia di Vercelli 

Questa rete di canali oggi si presta molto bene al cicloturismo, e a quel turismo slow che ama scoprire con calma, borghi, luoghi, cascine, ed eccellenze gastronomiche come i borghi di:

  • Santhià,
  • Tronzano Vercellese,
  • Livorno Ferraris

Pensa che proprio poco lontano da Santhià e Tronzano Vercellese passa la Ciclovia Francigena.

In questa ambientazione paesaggistica, umida in estate, dall’autunno fino all’inizio della primavera diventa quasi romantica, con il riso che trasforma come d’incanto i campi arati di fresco, in specchi d’acqua. I campanili, i filari di pioppi e i rossi muri delle cascine si specchiano in un mare che rovesciandoli li raddoppia. Un mare che attraversando la provincia di Vercelli in camper, ha come confini, leggeri argini compattati da cespugli.

Il mondo del riso

In camper a Vercelli e dintorni
@ATL Valsesia Vercelli

Se attraversi la via del Riso Vercellese di Qualità in camper o scooter, meglio ancora in bicicletta, ti accorgerai che questo mare si trasforma in campi verdi di una tonalità talmente brillante da infastidire…quasi.

Nella provincia di Vercelli, dove in estate il riso diventa biondo, ricordandoci i campi di grano della nostra Emilia, questo cereale è presente dall’età del Bronzo e costituisce la seconda zona di produzione in Italia di riso, dietro Pavia.

Come altrove anche qui la parola chiave è tradizione, termine che noi ti invitiamo sempre a scoprire e divulgare, e per tutelare lei e la biodiversità è sorto un Ecomuseo delle Terre d’Acqua. Racchiude luoghi, siti di interesse,  di importanza storica e di valorizzazione ambientale.

Fanno parte di questo Ecomuseo delle Terre d’Acqua:

  • la Cascina Oschiena fra Tronzano Vercellese e Vercelli. Qui  si coltivava il riso già nel 1500 e faceva parte dei possedimenti dell’Abbazia di Santo Stefano di Vercelli. Oggi sono visitabili, a testimonianza di un passato che non bisogna dimenticare: gli alloggiamenti delle mondine, le aule per i bambini, la casa del margaro con la vendita del latte e del burro, la casa dei salariati fissi (chiamati sciavandè), le stalle, un’osteria, una bottega, una chiesetta campestre della Madonna del Tabalino (che è tutt’ora consacrata). Oggi il progetto è portato avanti con l’attenzione per una coltivazione sostenibile coltivando Varietà StoricheAutentiche e Certificate di riso. Puoi organizzare la tua visita e gli acquisti contattandoli qui

 

  • la Tenuta Colombara a Livorno Ferraris . Costruita nel 1400 iniziò la coltivazione del riso a metà del 1500. Ancora perfettamente conservata senza restauri, ha consentito di poter realizzare il Conservatorio della Risicoltura. Al suo interno si trovano i laboratori del fabbro, del falegname, del sellaio, del casaro, della sarta, le abitazioni, la scuola, il dormitorio delle mondine.  Testimonia quei tratti della cultura materiale e locale della prima metà del Novecento. E’ la casa dell’inventore e  dove si produce il famoso e pregiato Riso Acquerello che richiede 20 delicati passaggi di lavorazione ed una stagionatura in silos d’acciaio a temperatura controllata inferiore ai 15° per un anno almeno. Per visitarla e fare acquisti clicca qui

Weekend nella provincia di Vercelli in camper

sulla strada del Riso Vercellese di Qualità in camper
Tenuta la Colombara a Livorno Ferraris

Il riso è l’attore principale di questo viaggio, ma anche i borghi, con i campanili che svettano su un paesaggio altrimenti piatto, sono l’occasione per una sosta o una visita.

  • Santhià

Borgo conosciutissimo per lo storico carnevale che ogni anno raccoglie ed ospita oltre 200 camper. E’ una tappa ovviamente da inserire anche in un weekend nella provincia di Vercelli in camper fuori stagione. La struttura attuale del centro storico di Santhià ricalca esattamente quella originale del 1600 con il corso principale che lo attraversa. Il monumento più importante è La Chiesa Collegiata di Sant’Agata (il Duomo), del periodo del 1800. Colpisce per il suo colonnato in stile neoclassico. All’interno ospita affreschi di grande pregio ed un organo di valore, costruito dai fratelli Serassi. La sua cripta insieme alla torre campanaria del 1100 sono inseriti nei beni Patrimonio Nazionale. Una chicca per gli appassionati di pale d’altare. Nella chiesa parrocchiale di Santhià è presente un’antica pala d’altare della chiesa del XVI secolo dipinta Gerolamo Giovenone. Se pensi di visitare Santhià durante i giorni dello storico Carnevale non perdere l’occasione di partecipare alla festa per la Colossale Fagiuolata. E’ un evento che ogni anno occupa più di 300 volontari che dall’alba iniziano a dar fuoco sotto 150 paioli di rame, per preparare quasi 20.000 razioni di questo piatto la cui ricetta si tramanda da secoli.  Se vuoi conoscere la manifestazione ti lasciamo il link qui.

Sosta Camper

Purtroppo anche Santhià non offre un’area sosta per i camper; ma è possibile sostare nel parcheggio del cimitero e nel parcheggio di Via Kennedy a fianco della Lidl. In alternativa cenando si può sostare la notte nel parcheggio della Pizzeria al Grill in via Nobel.

  • Tronzano Vercellese

Adagiato in questo tratto di Pianura Padana si trova questo piccolo borgo di circa 3.000 anime, ma vivace e ricco di realtà associative attivissime nella valorizzazione del territorio e del paese stesso. E pensando ad un weekend attraverso i paesaggi nella provincia di Vercelli in camper, Tronzano Vercellese, a pochi chilometri dalla famosa Santhià, può essere una tappa per visitare alcuni piccoli luoghi. Come La Chiesa di San Martino che si ritiene sia il luogo esatto dove nacque il Borgo Franco di Tronzano nel 1256 (per Borgo Franco si intende un borgo dismesso da feudo, dove i servi della gleba cessano di essere servi e diventano uomini iberi). La Biblioteca Civica Comunale che con i suoi 20.000 volumi, la rende fra le più fornite del vercellese, ed è gestite dall’Associazione Volontari, “Valeria Botti”. Anche in questo borgo una tappa nel mondo del riso è d’obbligo presso la Riseria Greppi che coltiva riso dagli inizi del secolo scorso.  Il gusto vuole sicuramente la sua parte e potrai soddisfarlo presso L’Osteria della Mal’Ora  fra piatti di pesce per niente scontati e piatti della tradizione locale con un tocco in più, o a Sax Risto-bar.

Sosta camper

A Tronzano ancora non esiste un’area di sosta attrezzata, ma è possibile sostare senza servizi nel parcheggio tra Via Lamarmora e Via Dante Alighieri.

La sosta camper attrezzata più vicina a questi luoghi è a 13 km da Santhià sul Lago di Viverone. Area di sosta camper Acqua del Lago.

 

Un suggerimento

Pensando invece ad altri fine settimana in stagione e fuori stagione in camper in Piemonte, ti invitiamo a leggere

10 giorni nelle valli del cuneese per itinerari in camper in Piemonte

Conclusione

Il weekend fuori stagione rimane uno dei momenti più liberi per spostarsi in camper. Il traffico nelle località turistiche è sicuramente diminuito, e anche il transito sulle provinciali di campagna è quasi inesistente.

Così è possibile godere della guida immersi nella bellezza dei paesaggi quasi in totale tranquillità. E fermarsi nei piccoli borghi assume un particolare piacere sia per fare due chiacchiere con i residenti che per visitare e gustare le bellezze locali. Esattamente quello che a noi piace spesso suggerirti.

Condividi:

4 camping e 3 itinerari

Scarica la nostra nuovissima guida!

Ti portiamo alla scoperta di 3 fantastici itinerari tutti da vivere!
Abbiamo anche selezionato 4 Camping che renderanno la tua esperienza ancora più memorabile!