PORTO DI tRANI
Author picture

Trani la tappa ideale per un itinerario in Puglia in camper

Trani, affascinante città costiera, è da sempre una tappa ideale per un itinerario in Puglia in camper che puoi fare tutto l’anno. E non è difficile capire il perché. 

Il suo pittoresco porto turistico, le affascinanti vie del centro storico e le incantevoli spiagge bagnate da un mare cristallino, come il Lido dei Pescatori. O le passeggiate del lungomare, ammirare la maestosità della Cattedrale di San Nicola Pellegrino e degustare i piatti della tradizione culinaria locale. Ecco alcune delle esperienze che rendono Trani così affascinante.

Grazie alla sua posizione strategica, la città è un punto di partenza ideale per visitare altre affascinanti località pugliesi, come Bari, Castel del Monte, Gravina di Puglia o il meraviglioso mare rosa delle Saline di Santa Margherita d Savoia.

E non importa se si è alla ricerca di una vacanza romantica in riva al mare o di un’avventura alla scoperta di tesori nascosti, Trani è la meta perfetta per una vacanza in camper.

Scoprire Trani la nostra tappa ideale per un itinerario in Puglia in camper .

Questa città che è considerata cuore della Puglia Imperiale (un territorio turistico compreso fra il Gargano a nord, Bari a sud e Castel del Monte) affascina chiunque la visiti.
Ricordo ancora quando entrammo in città di mattina dal Lungomare Cristoforo Colombo. Mi accolse il panorama di pescherecci colorati e di barche di ogni tipo, l’odore pungente ma invitante di pesce fresco, e una spettacolare cornice punteggiata da localini, affacciati al porto come spettatori in prima fila.

E appena più in là, nascosta da una fila di palazzi, intravidi la Cattedrale, sicura e maestosa, affacciata come una regina sul mare.

Cosa vedere a Trani
La Cattedrale di Trani al tramonto

Una perla tutta da scoprire

La storia di Trani è legata al nome di Federico II di Svevia che fece di questo approdo il più importante porto commerciale del basso adriatico. Ma in realtà Trani ha origini ancora più antiche legate alla preistoria. Se Federico II fece costruire il Castello Svevo a difesa del porto e di tutto il territorio, fu nel 1700 che vennero costruiti molti dei numerosi palazzi che puoi vedere percorrendo i vicoli del suo centro storico.

Ma andiamo con ordine e vieni con me ti accompagno nella visita della mia tappa ideale per un itinerario in Puglia in camper.

Trani

La mia passeggiata come ti ho detto inizia dal porto, il primo panorama che i naviganti vedono arrivano a Trani.

Pensa che proprio da qui partirono le navi per le Crociate in Terra Santa e proprio qui tornavano i pellegrini.

Dal porto percorri tutta la passeggiata della banchina, fra ristoranti e palazzi storici. Oltrepassi la chiesa di Santa Teresa del 1754, una delle principali opere del barocco pugliese, continuando sulla banchina e attraversi gli antichi bastioni tramite la Porta Vassalla. Sali sulla piazza e già ne intravedi la magnifica bellezza. Parlo di lei la Cattedrale di Trani.

Trani in camper

  • Basilica Cattedrale di San Nicola Pellegrino

E’ il simbolo di Trani e se ci pensi non ti aspetti di vederla direttamente sul mare, così imponente. Essendo in una città di porto ci si aspetta di vedere un faro: invece lei è lì immensa in una piazza aperta sul mare.

Costruita in epoca romanica con un tufo calcareo dal particolare colore bianco che si ricava dalle cave nei dintorni della città, al tramonto diventa quasi rosa, grazie alle sfumature del tufo stesso. 

Su questa costa arrivò morente nell’anno 1.000, di rientro dalle crociate, San Nicola Pellegrino e in seguito ad alcuni miracoli legati alla sua persona, l’Arcivescovo di Bisanzio decise di far costruire questa basilica sulle rovine di una precedente. La dedicò al Santo che divenne patrono di Trani. Il suo interno, splendido nella maestosità, contiene due cripte e volendo si può salire sul campanile a fianco.

Da qui partiamo alla scoperta del cuore di Trani, prima di arrivare al Castello Svevo.

  • Quartiere Ebraico

E’ la zona che più mi ha affascinato, con i suoi vicoli stretti e tortuosi, tanto da sembrarmi un labirinto.

In realtà l’ingresso ufficiale è dall’antica Porta Aurea fra via Porta Antica e Via Giudea, ma a me piace entrare dal mare e perdermi seguendo le emozioni fra i vicoli che si aprono su piazze di palazzi nobiliari. In questo labirinto, spinti da Federico II nacque una comunità ebraica che in questo quartiere,  con l’aiuto del regnante, costruì ben 4 sinagoghe. Oggi ne sono rimaste solo due che ovviamente ti invito a non perderti. 

Parlo della Sinagoga di Santa Maria di Scolanova e la Sinagoga di Sant’Anna (Sinagoga Grande), che ora ospita il Museo Ebraico. Ti lascio il link al Polo Museale di Trani dove trovare le informazioni anche per altre visite.

Vedere Trani in un giorno
La Chiesa di Ognissanti
  • Chiesa di Ognissanti

E’ conosciuta anche come la chiesa dei Templari, e se ne comprende anche il motivo visto la sua ubicazione. Chiesa romanica dei primi dell’anno 1100 rimase ai templari fino al 1312, quando fu cessato l’ordine. Divenne poi chiesa nobiliare per diverse famiglie dell’epoca. Bellissima al suo interno per la maestosità romanica, dovuta certamente ai finanziamenti di cui i Templari facilmente beneficiarono. Sicuramente adiacente esisteva un ospedale dei cavalieri. E’ aperta per le visite il venerdì pomeriggio, sabato mattina e pomeriggio.

Il Castello Svevo di Trani in camper
Tramonto sul Castello Svevo di Trani
  • Castello Svevo

Arriviamo al Castello percorrendo Via Porta Antica e poi Via Vicolo Romito per finire su Via Maiorano che ci porta direttamente all’ingresso. Il Castello Svevo è una tappa imperdibile per visitare Trani in camper. Sorge anch’esso sul mare, e fu fatto costruire tra il 1233 ed il 1249 con funzione di difesa della città.

Fa parte  del circuito dei castelli federiciani, edificati per volontà di Federico II di Svevia, che ti consiglio come un itinerario da aggiungere percorrendo la Puglia in camper. Si tratta di ben 10 castelli che Federico II fece costruire in Puglia. Un itinerario che intreccia storia, misteri e Patrimoni Unesco, come Castel del Monte. Ovviamente anche il Castello di Trani ha il suo mistero; ma non te lo svelo qui, anzi ti invito a visitarlo.

Il Castello Svevo di Trani nel 1500 sotto il regno di Carlo V d’Asburgo, venne trasformato e rifortificato per  difendere l’impero dall’avanzata turca.  Dal 1800 divenne, come molti altri castelli sede del carcere, fino a che nel 1970 fu dato al Ministero delle Belle Arti che dopo un lungo restauro lo aprì al pubblico.

Il castello è visitabile dal martedì al sabato, con orario continuato, dalle 8.30 alle 18.30, mentre la domenica dalle 8.30 alle 12.30. Il lunedì è giorno di chiusura. I biglietti sono acquistabili sul posto. Biglietto di ingresso: intero 5 euro; ridotto 2 euro. Si può accedere anche con il biglietto cumulativo che comprende Castel del Monte e Trani, del costo di 9 euro anziché 12 euro. E io ti consiglio di farlo.

E il Gusto?

Un itinerario in Puglia in camper ti invita sicuramente anche a scoprire le tradizioni culinarie e già l’argomento per me può essere un viaggio a sé stante.

A Trani ovviamente puoi fermarti per gustare il pesce fresco che qui arriva ogni mattina. Un piatto su tutti sicuramente è l’orata alla pugliese con quel profumo di vino, aglio, pepe e prezzemolo che abbracciano la delicatezza dell’orata. Ma il piatto più tipico di casa, è la pasta alla tranese.

Ti parlo di un piatto della tradizione che credimi, non contempla né pesce né frutti di mare, ma semplice pasta corta, ogni casa usa la sua variante, condita con una ricca salsa di pomodori e cipolla e tanto formaggio, rigorosamente pecorino. Infornata quel tanto che basta perché i grossi pomodori  coperti di pangrattato e pecorino, formino quella crosticina, che piace tantissimo ai bimbi. 

La cucina pugliese il panino col polpo alla brace
Il panino con polpo alla brace bontà pugliese

Se oltre alle stelle Michelin di Quintessenza, vuoi gustare la cucina tranese ho un paio di locali da consigliarti. Un po’ defilato dal centro, Frangipane. Qui i piatti di mare e la terra pugliese sapranno regalarti gusti davvero unici. Un consiglio? Tortelli con ripieno di ceci neri, calamaretti e cipollotto. Ma non dimenticare di deliziarti a fine pasto con un dolce e l’immancabile Moscato di Trani.  Se ami qualcosa di gourmet ma non impegnativo come un ristorante, ti porto da Peschef proprio fronte porto. Qui  ti sarà impossibile non cedere all’imponente panino col polpo alla brace o alle bombette di pescatrice.

Dove sostare in camper a Trani

Premetto che noi abbiamo sostato giusto solo una giornata e fuori stagione al molo di Santa Lucia proprio sotto il centro storico. 

In Via dei Finanzieri puoi invece sostare al Camper Park Trani: a €25,00 al giorno offre un parcheggio con piazzole delimitate, allacci alla corrente e carico/scarico. Dista nemmeno 1 km. dalla cattedrale.

Se proprio devo concludere

Ho fatto tappa a Trani solo un giorno e a malincuore siamo ripartiti per il nostro itinerario in Puglia in camper,  puntando la prua verso un luogo completamente diverso, ma che ci ha regalato altre emozioni, uniche. Siamo infatti andati in visita alle Saline di Santa Margherita di Savoia, di cui ti racconterò a breve.

E da Trani invece? Puoi proseguire scendendo in Salento ovviamente. Ma puoi anche deviare per Andria, Castel del Monte, come ti ho sopra accennano, e attraversare l’Alto Parco delle Murge, per arrivare alla meraviglia di Gravina di Puglia. Un susseguirsi di paesaggi che cambiano e località che ti regalano sempre qualche particolarità da scoprire e soprattutto da gustare.

E se vuoi continuare la visita di questa regione ecco che la Valle d’Itria è un altro itinerario da percorrere. Te ne ho già parlato ricordi?

5 giorni in Valle d’Itria in camper fra borghi trulli e mare

Angela

 

Condividi:

4 camping e 3 itinerari

Scarica la nostra nuovissima guida!

Ti portiamo alla scoperta di 3 fantastici itinerari tutti da vivere!
Abbiamo anche selezionato 4 Camping che renderanno la tua esperienza ancora più memorabile!