@buttalapasta.it

Natale e tradizioni: le ricette

Dicembre è arrivato e con esso il momento dell’anno dove è più viva la voglia di Natale e tradizioni  e dello stare assieme.

Di quali tradizioni parliamo? Ma di ricette naturalmente, quelle tipiche del periodo magari da fare assieme ai nipoti a alle mamme in cucina.

Molti in questo periodo sono impegnati nella preparazione di anolini, tortelli, tortellini, biscotti natalizi, panettoni e da noi anche spongate da portare in tavola nelle giornate di festa o da regalare a parenti e amici.

A proposti hai letto il nostro recente articolo sulla Spongata?

Dove nasce la spongata

Addentrandoci nel mondo del Natale e tradizioni oggi ti vogliamo parlare  di un piatto legato alla tradizione contadina e dei paesi di montagna dell’Appennino e del suo ingrediente principale. Un prodotto della natura molto utilizzato e molto duttile in cucina, che ben si presta a diversi utilizzi nelle ricette sia dolci che salate: la castagna.

Utilizzato da secoli in cucina, in quanto reperibile in natura in notevoli quantità, nel 1400 era considerato il pane e la carne delle persone povere proprio per la sua versatilità e reperibilità.

Gli estesi boschi di castagno che ricoprivano la dorsale appenninica Emiliano-Romagnola e Toscana, fornivano infatti questo frutto che era di sostentamento per le popolazioni locali e non solo.

In quei territori il piatto legato al Natale e tradizioni che si preparava già all’epoca e che ancora qualcuno prepara è il tortello con il ripieno di castagne.

Non ti stiamo parlando di un dolce, bensì di un primo piatto esattamente come i più famosi tortelli di zucca, che ancora si usa preparare per la cena della Vigilia , o di patate o erbetta. Questo quartetto di tortelli fa proprio parte della nostra tradizione parmigiana in primis ed emiliano-romagnola.

 

fare la sfoglia

La ricetta

La ricetta è molto semplice ed essendo un piatto casalingo può essere variato a seconda della propria tradizione di casa. Noi infatti qui ti proponiamo la versione della nonna di Angela, tramandato alla nuora e ai nipoti, ma se spulci in giro troverai alcune varianti. Infatti il bello della cucina è che puoi inserire la fantasia, quel pizzico in più che può trasformare un piatto classico in personale.

Ingredienti per il ripieno

  • 500 gr. di castagne secche ammorbidite in acqua
  • 300 gr. di mostarda  con il proprio sugo
  • 1/2 cucchiaio di cacao amaro (variante)
  • 100 gr. di amaretti (variante)
  • un pugnetto di pinoli

Ingredienti per la sfoglia

  • 800 gr. di farina
  • 7 tuorli d’uovo + 1 intero
  • un pizzico di sale

Procedimento

Prepariamo il ripieno: dopo aver fatto rinvenire le castagne secche in acqua per 10 ore si fanno cuocere fino a che non risulteranno belle morbide. Scoliamo e schiacciamole con lo schiacciapatate.

Uniamo la mostarda con il proprio sugo dopo averla tagliata a pezzettini e mescoliamo bene il tutto. Se preferite unire il cacao e gli amaretti sbriciolati uniamo tutto prima della mostarda e poi mescoliamo molto bene.

A questo punto passiamo a preparare la sfoglia: impastiamo la farina con le uova e il sale fino ad ottenere una palla compatta ed omogenea e lasciamola riposare un attimo coperta. Tiriamo la sfoglia non troppo sottile a striscie belle lunghe e procediamo come al solito mettendo mucchietti di ripieno al centro della sfoglia che andremo poi a richiudere su se stessa e a tagliare con la rotellina dando la classica forma del tortello.

Una volta terminato potremo procedere alla cottura dei tortelli in acqua salata per circa 12/15 minuti e a condirli con burro fuso dove abbiamo fatto tostare alcuni pinoli ed un’ abbondante spolverata di buon Parmigiano Reggiano da 24/30 mesi.

 

Nella versione romagnola i Capaltaz (così vengono chiamati), sono fatti in modo leggermente diverso. Al ripieno di castagne e mostarda, in questo caso bolognese, vengono aggiunte noci, un bicchierino di Rhum e due cucchiai di zucchero a velo.

A noi non resta che dirvi buon lavoro e buon appetito.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
4 camping e 3 itinerari

Scarica la nostra nuovissima guida!

Ti portiamo alla scoperta di 3 fantastici itinerari tutti da vivere!
Abbiamo anche selezionato 4 Camping che renderanno la tua esperienza ancora più memorabile!