Vacanza in Carinzia in camper

Vacanza in Carinzia in camper

La vacanza in Carinzia  …davvero una scoperta

itinerario Viaggio in Carinzia 2018

Davvero una bella scoperta quest’anno la vacanza in Carinzia.

 

Eccoci qua . Ormai siamo rientrati dalle ferie da qualche giorno e dopo aver fatto le pulizie del camper , ripreso il tran tran quotidiano del lavoro, ci troviamo a riordinare foto, deplians sensazioni e ricordi da condividere con voi.

Non conoscevamo questa regione del sud dell’Austria, amici non camperisti vanno spesso in estate e ci hanno sempre detto quanto fosse verde, bella tranquilla…insomma una vera vacanza in relax.

Poichè quest’anno i giorni a disposizione non erano molti, e non volevamo andare troppo lontano per impegni familiari, la Carinzia poteva essere davvero una meta interessante.

Poi quando un’amica camperista, mi ha detto che nei laghi i cani potevano fare il bagno e che le acque non erano mai troppo fredde e che la sera non faceva troppo caldo…beh abbiamo preso la decisione.

Davvero la Carinzia è stata per noi una bella scoperta e piacevole vacanza.

Il viaggio verso la Vacanza in Carinzia

Il nostro viaggio è iniziato da Parma nel tardo pomeriggio e come  prima tappa per la sosta notturna abbiamo scelto San Daniele del Friuli, dove siamo arrivati in tarda serata sotto un temporale di fulmini e tuoni.

San Daniele del Friuli per certi versi assomiglia molto alla parmense Langhirano: distesa di prosciuttifici adagiati sulla parte destra del Tagliamento e ristoranti dove poter far degustazioni di prosciutto. L’area di sosta camper ad angolo fra via Udine e via Primo Carnera è davvero molto ben tenuta e comoda per visitare il centro.

Al mattino ripartiamo in direzione Gemona : da tempo volevo visitare questo luogo , che il terremoto del giugno 1976 ha praticamente distrutto . Un ricordo per me indelebile : all’epoca non esisteva la Protezione Civile, ma solo volontari e il corpo dei Vigili del Fuoco e degli Alpini.

 

Anche a Gemona sostiamo nel parcheggio camper comodissimo al centro, di Piazzale Monsignor Battista Monai . Essendo molto presto possiamo concederci solo una piacevole passeggiata per le viuzze di un paese ricostruito e rispettato nella sua struttura.

Parcheggio camper a Gemona

 

Ripartiamo perciò alla volta del confine e ci accorgiamo di quanto sia bella questa parte del Friuli. Panorami mozzafiato con vette che paiono guglie protese verso l’infinito.

Una pista ciclabile, la Alpi Adriatico  corre sulla vecchia ferrovia. Anche in Carinzia più volte incroceremo  una pista ciclabile che si chiama Alpi Adriatico e che parte da Salisburgo, per arrivare in Adriatico a Grado .

Il confine su tre nazioni

Ci avviciniamo quindi a Tarvisio,  terra di confine , dove incroci turisti a passeggio e negozi di souvenir. Ci troviamo ad un passo dai confini di Italia – Slovenia – Austria e quindi decidiamo di fare una piccola “divagazione” sull’itinerario: deviamo verso Kranjska Gora.

Questa piccola perla delle Alpi Slovene, è una meta per gli amanti dello sci : la Coppa del Mondo di sci alpino fa tappa qui. Ma anche in estate è una località frequentata da turisti inglesi e tedeschi….abbiamo incrociato anche cinesi e russi. Molti sono gli alberghi e il Casinò , segnale di un tipo di turismo ben preciso.

Kranijska Gora

Rientriamo a Tarvisio ed imbocchiamo la strada per Coccau: desolante il panorama delle strutture in decadimento dove il tempo si è completamente fermato e quello che rimane sono solo macerie ricoperte da rovi e piante.

Carinzia

Campling Plotz

Superato il confine ci inoltriamo finalmente nella bellissima Carinzia! Panorami montuosi delle Alpi del confine Sloveno da una parte e boschi e prati verdi dall’altra parte, dove qua e là sono adagiati bellissimi laghi più o meno profondi ,con il fiume Drava che attraversa tutta la regione. Alle spalle le alte catene dei Monti Tauri e nomi famosi come Grossglokner o Ankogelgruppe

E piste ciclabili? La Carinzia è una distesa continua di piste ciclabili . Ogni lago ha una pista ciclabile che ne segna il perimetro e ogni paese o località è attraversato da una pista ciclabile.

In ogni paese e anche nei campeggi si possono trovare cartine, mappe per itinierari sulle ciclabili, itinerari per MTB , che si possono noleggiare praticamente ovunque. Oppure mappe per escursionismo , trekking, arrampicata, canioning nelle varie gole, insomma proposte per ogni esigenza.

 

Castello di Velden

Vacanza in Carinzia : cosa abbiamo visto

paesaggio Carinzia

Di questa nostra vacanza in questa bellissima regione, oltre a consigliare di spostarsi in bicicletta, davvero comoda per visitare i paesini e città come Klagenfurt e fare belle escursioni sui laghi. Sempre sui laghi potete spostarvi anche utilizzando i numerosi traghetti che fanno la spola da un capo all’altro.

  • Pyramidenlnogel

Noi abbiamo fatto durante il nostro itinerario una tappa per salire sulla Pyramidenknogel, posta fra il Worthsee e la valle dei quattro laghi di Keutschach. Dalla sua cima il panorama è veramente unico!  Si tratta  della torre panoramica in legno più alta d’Europa . La sua forma elicoidale, ricorda molto le piroette fatte dalle ballerine di danza classica.

  • Klanghefurt

Molto interessante da visitare è il centro della cittadina di Klagenfurt, capoluogo di regione.

ll simbolo di Klagenfurt è il Lindwurm, un drago alato, di cui è visibile una statua nella Neuer Platz, la piazza principale. Poco lontano, affreschi e bassorilievi decorano la sontuosa cattedrale del ‘500. Edifici barocchi e rinascimentali si affacciano sulle anguste stradine intorno all’Alter Platz, caratterizzata dall’Antico Municipio seicentesco di colore giallo brillante.

Piacevole passeggiare per le stradine del centro e fermarsi in uno dei tanti localini del centro per degustare ottima pasticceria o piatti della cucina tipica della Carinzia con ottima birra.

Una visita che consigliamo sicuramente, oltre a visitare il parco di Minimundus, una specie di Italia in Miniatura che racchiude non solo edifici austriaci, ma anche di altre località del mondo.

Se volete visitare un birrificio storico sicuramente a Klagenfurt potete andare allo Sleppe Bauerei, birrificio artigianale dal 1607 .

  • Maltatal , Malta Hochalmstrasse, e Kolnbreinspierre

 

 

Questa strada che parte dal paesino medioevale di Gmund in Karnter si inerpica  nella piccola e verdissima  Val di Malta (Maltatal) dove sono numerose le cascate .

 

Si  arriva dopo 30 km  , un pedaggio a metà valle, e diverse gallerie scavate nella roccia con curve a gomito e con traffico alternato, ai 2000 metri della diga di Kolneispierre , la più alta d’Austria.

Spettacolare il panorama da lassù ma ancor di più dalla terrazza panoramica sospesa nel vuoto a metà della diga!

  • Burg Hochosterwitz

 

   

Questa fortezza del 1500 di una unica proprietà la famiglia Khevenhueller , sovrasta una bellissima vallata poco oltre Sankt Veit an der Glan.

E’ caratterizzata da 14 porte tutte da  attraversare sulla salita di mt 150 che porta alla piazza centrale del castello.

Il centro del Castello è occupato da una Birreria/Ristorante dove potersi rinfrescare dopo la salita, dal museo del castello e da un negozietto di souvenir. Ma la salita merita certamente per il panorama e per l’autenticità della costruzione del borgo . Il Parcheggio camper è nei prati di fronte alla strada che porta alla base del borgo, ma quando siamo arrivati noi, il borgo non era affollato e siamo riusciti a parcheggiare nel parcheggio dei Pullman proprio di fronte alle casse.

link di riferimento

  • La Natura e i laghi

Ma certamente ciò che a noi ha colpito maggiormente della vacanza in Carinzia e consigliamo anche solo per questo, è stata la possibilità di essere in mezzo alla natura alla montagna e ai vari laghi.

In questo clima ideale si può godere della balneazione nelle fresche acque dei laghi , del verde rilassante dove fare anche solo bellissime passeggiate lungo i vari percorsi attrezzati anche per i cani . Ma è anche una regione dove l’attività sportiva può essere  davvero una vera vacanza plein air.

Conclusioni:

sito della Carinzia

campeggi presso cui abbiamo sostato