CORTEO STORICO MATILDICO a Quattro Castella (Re)

CORTEO STORICO MATILDICO a Quattro Castella (Re)

L’appuntamento con il Corteo Storico Matildico è ..

Il 25, 26 e 27 Maggio 2018:

Abbiamo organizzato, come solitamente facciamo, due giornate all’insegna della cultura e anche del gusto nello scenario meraviglioso di Quattro Castella (Re) ai piedi del Castello di Bianello.

Come promesso ecco quello che proponiamo  alle persone che vogliono partecipare insieme a noi a questa Rievocazione Storica che è alla sua 53° edizione:

Venerdi 25 Maggio si arriva nel tardo pomeriggio presso una Azienda Agricola , Caseificio della zona,  per sostare con i camper per la notte. La cena è libera ma volendo si può mangiare in azienda, prenotando.

Sabato 26 Maggio al mattino per le ore 8.00 faremo la visita guidata in Caseificio e la degustazione dei prodotti della Azienda Agricola.

A metà mattinata si parte verso il parcheggio del Melograno ove abbiamo 10 posti già prenotati.

Il pranzo è libero.

Al pomeriggio alle ore 16 abbiamo prenotato la visita guidata all’interno del Castello di Bianello, per vivere la storia di Matilde di Canossa e scoprirne così l’importanza, conoscere questa donna e il suo coraggio e anche aneddoti importanti.

Alla sera abbiamo la cena prenotata alle ore 20 con un menu concordato (leggete sotto il programma dettagliato)

A seguire  potrete godere di tutte le attività organizzate dalla Festa, e alle 21,15 la Grande Fiaccolata Matildica con partenza da Piazza Dante. Davvero molto suggestiva …. da non perdere.

Domenica 27 Maggio invece è lasciata libera per seguire tutte le attività in programma del Comitato che ha organizzato questo imponente evento.

Alle ore 18.00 ci sarà il Corteo matildico con la rappresentazione della “reinfeudazione” di Matilde di Canossa per mano di Enrico V.

Questo è il momento principale di tutto l’evento.

Noi di In Camper con Gusto, essendo invitate per raccontare la Festa,  abbiamo ancora a disposizione 6 posti nel parcheggio adibito ai camper al di sotto del Castello.

Chi vuole partecipare e chi si vuole unire è il ben accetto.

Tramite la nostra mail info@incampercongusto.it potete riservare il vostro posto.

Ecco il nostro PROGRAMMA 25 26 e 27 maggio 2018

Forniamo il Sito web di riferimento dove a breve ci sarà anche il programma dell’organizzazione.

Qui una piccola anticipazione …. Programma Corteo 2018  inoltre gli ultimi aggiornamenti sono gli attori che interpretano i personaggi della storia:

la rilevanza delle figure femminili e l’introduzione del personaggio di Beatrice di Lorena, madre di Matilde.
Oltre al consueto incontro tra la GranContessa ed Enrico V, in questa edizione verrà messo in scena un nuovo episodio storico, che vedrà protagonisti Beatrice e Goffredo il Barbuto.

Gli interpreti saranno:

Cecilia Di Donato – Matilde di Canossa
Giusto Cucchiarini – Enrico V
Valeria Perdonò – Beatrice di Lorena
Simone Formicola – Goffredo Il Barbuto

Con la partecipazione di:
Pietro Secchi e Mauro Burani.

La storia senza dilungarci troppo …

Siamo nel tempo della lotta tra le investiture e precisamente tra il Papa e l’Imperatore e nel mezzo c’era proprio lei … Matilde.

Ci parla di lei Donizone, un Monaco di Canossa suo contemporaneo, che con dovizia di fatti ha creato un prezioso manoscritto in cui tutto si narra di lei, Il “Vita mathildis” o meglio, come Donizone stesso l’intitolò, il De Principibus Canusinus di cui l’opera maggiore scritta tra il 1111 e il 1115.

Nasce a Mantova nel 1046 da una famiglia molto potente, feudale, di Canossa e di Toscana di origine longobarda.

Il padre Bonifacio è l’erede della famiglia canossiana. Vastissimi erano i possedimenti e le ricchezze terriere.

Donna sicuramente colta e importante per cultura, arriva ad avere tra le proprie mani tutta la ricchezza in conseguenza alla morte del padre e delle sorelle per cause misteriose.

Dopo tante lotte e guerre Matilde dovendo scegliere tra l’Imperatore e il Papa, sceglie quest’ultimo e non trovando soluzioni tra i due mondi, Enrico IV nel 1081 a Lucca pronuncia il bando di lesa maestà contro Matilde e la priva dei poteri di Vassalla dell’imperatore, cioè viene accusata di alto tradimento nei confronti dell’imperatore.

Indissolubile è stato il legame con il papato e dopo tante lotte e guerre, il temibile esercito imperiale viene duramente sconfitto dalla vassalleria dei piccoli feudatari e assegnatari dei possedimenti e dei borghi fortificati da Matilde, non solo per interessi economici ma perché hanno visto in essa una donna straordinaria con un legame forte alla Chiesa di Roma.

Milano Cremona Lodi non vogliono più rimanere sotto al controllo imperiale e per questo Enrico V di ritorno a Bianello dunque, nel 1111, si incontra con Matilde e le ridona il suo potere e dignità di fedele vassalla dell’Imperatore.

Muore a Bondeno di Roncore nel 1115 e per suo volere viene sepolta nella chiesa abbaziale di S. Benedetto Polirone.

Il suo corpo vi rimane fino al 1632 quando viene trasferito in San Pietro, in un sontuoso monumento ad opera del Bernini.